Sentirsi incompleti

232px-Michelangelo,_schiavo_giovaneIn questi giorni ho parlato con molte persone, che si considerano in cerca di “qualcosa che le riempia” , che le soddisfi, che riempia i loro giorni e le loro vite con felicitá, che le faccia sentire “complete” e “piene”… come se ci fosse un vuoto da riempire.

Cos’è questo vuoto che sentiamo, che ci fa sentire come delle vasche da bagno senza tappo?

Non sará forse che ci stiamo perdendo quaalcosa, che non lo stiamo vedendo ma è sempre stato lí?

Mi viene in mente l’immagine delle sculture dei Prigionieri di Michelangelo, come “intrappolati” nel blocco di marmo ancora da scolpire e ripulire, solo parzialmente liberi della roccia che li ricopre, che ricopre la loro essenza umana…forse quello di cui siamo in cerca è uno scultore, una persona che vedendo la roccia grezza possa liberare la nostra essenza umana. Mentre ci affanniamo a cercare lo scultore giusto, perché non prendere uno scalpello e cominciare a togliere qualche strato di pietra da intorno a noi?

In ogni caso, sará a volte doloroso, ma ne vale la pena.

(immagine:wikipedia)

.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s